UNA ESCORT DAVVERO SPECIALE – 3° tempo- Bergamo

Ringhiai di piacere, la sensazione della sua lingua che scorreva sul mio ano era a dir poco strabiliante. Mise in gioco un dito insalivato, la sentii spingere e cercai di rilassare l'anello muscolare, mentre lei mi spalmò del lubrificante fuori e dentro il culo.
- Scusami Zorro, ho anche messo un po' di Valium nel tuo Martini, solo qualcosa per rilassarti e rendere le cose più facili. Ti senti pronto?
- Sì, sono pronto...
Mi accarezzò la schiena infilandosi un profilattico sul suo uccello duro, che brillava sotto la luce dei faretti alogeni. Si mise in posizione, potevo sentire il suo glande che premeva contro di me.
- Adesso rilassati... ti piacerà...
Sentii la spinta, poi la cappella ricoperta di lattice lubrificato scivolò dentro. Mi lamentai un po' e Nanìta mi invitò a rilassarmi ancora. A poco a poco, lentamente... un centimetro alla volta... mi penetrò il culo stretto. Il dolore era inevitabile, ma non insopportabile, ed anche il Valium era stato una buona idea.
- Ok, un'ultima spinta ed il tuo lato B sarà completamente sverginato...
Spinse i fianchi in avanti ed avvertii lo sfintere allungarsi mentre introduceva gli ultimi due centimetri. Emisi un gemito, ma in realtà mi sentivo abbastanza bene e la esortai a continuare.
Nanita si sporse in avanti, iniziò un ritmo lento e costante per diversi minuti. Il Valium, la saliva ed il lubrificante fecero il loro lavoro, e cominciai a provare un piacere intenso e straripante dietro, che mi fece ritornare ad una potente erezione davanti. Lei fu contenta quando vide il mio uccello dritto, lo afferrò ed iniziò a masturbarmi. Disse:
- Sei pronto a venire, baby?
- Sì, oh sì... fammi esplodere il culo e fammi sparare dal cazzo!
Ruggii di gusto mentre il mio culo esplodeva in un orgasmo immenso e del tutto inusuale. Quasi contemporaneamente, anche il mio cazzo sparò 6-7 grossi schizzi, una sorgente di sperma caldo e bianco che si riversò sul mio ventre e sulla mano di Nanìta. Le orecchie mi fischiarono ed il respiro divenne velocissimo. Nel frattempo, sentiii il suo pene pulsare selvaggiamente mentre veniva ancora ed ancora riempiendo il preservativo.

CONTINUA

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!